Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Le pratiche di base del counseling e l'arte dello yogging - Claviere (TO) 25-27.06.21

 

FORMATORE PROPONENTE: Domenico Nigro

ISTITUTO DI RIFERIMENTO: Scuola IN Counseling Lo Specchio Magico Torino

TITOLO DEL PROGETTO: Le “pratiche” di base del counseling e l’arte dello yogging

CONTENUTI E PROGRAMMA: Le “pratiche” su cui ci eserciteremo in questo seminario residenziale hanno un valore di straordinaria importanza, per il nostro “saper fare” counseling.
L’accoglienza, l’ascolto, l’osservazione non giudicante, la presenza, la spola, il feedback, sono le “pratiche” di base cui ci riferiamo; su di queste verteranno i nostri lavori.
Tali pratiche rappresentano l’architettura del nostro fare counseling; un fare counseling che consiste in un insieme di atti relazionali gestiti ad hoc, per aiutare i nostri clienti ad attivare le capacità personali di cui potenzialmente dispongono, per meglio affrontare le difficoltà esistenziali che stanno vivendo.
Nella contingenza in cui sta vivendo le difficoltà che non riesce a superare, l’individuo non ha ancora sviluppato, o ha smarrito, la coscienza e la conoscenza delle proprie, relative, potenziali capacità di farcela e non può, quindi, ricorrervi.
La relazione di counseling si propone, allora, come dimensione socio-relazionale “protetta”, in cui fare esperienza di queste capacità e così apprenderle o ritrovarle.
Il tutto avviene perché nella relazione di counseling:
1. sperimentiamo nuovi modi di contattare e rapportarci con l’ambiente (alias con gli altri) e con noi stessi;
2. facciamo esperienza di nuove sensazioni, sentimenti ed emozioni, di nuovi pensieri e visioni di noi stessi e degli altri;
3. scopriamo la possibilità di nuovi comportamenti e strategie d’azione personale (di cui facciamo esperienza pratica, ma soprattutto simbolica-immaginaria, nella relazione stessa di counseling).
Insomma, è quanto viviamo nella relazione di counseling che dà il via allo sviluppo delle nostre capacità potenziali di far meglio fronte alle difficoltà esistenziali che stiamo vivendo e che ci hanno portato a chiedere aiuto ad un counselor.
Ma cosa viviamo nella relazione di counseling?!
1. viviamo l’esperienza dell’essere accolti e dell’accogliere
2. viviamo l’esperienza dell’essere ascoltati e dell’ascoltare
3. viviamo l’esperienza di cosa possa capitare ad osservare e ad essere osservati senza giudicare
4. viviamo l’esperienza della nostra e dell’altrui presenza
5. viviamo l’esperienza di cosa capiti a fare la spola tra ciò che sentiamo, pensiamo ed agiamo
6. viviamo l’esperienza di cosa produca ricevere e dare feedback, secondo una specifica modalità ed intenzione.
È questo “vivere e fare esperienza”, nella e della relazione di counseling, che attiva e/o rilancia i processi di sviluppo delle nostre possibilità di farcela ad affrontare positivamente le difficoltà che stiamo affrontando.
Chiediamo aiuto ad un counselor per gestire difficoltà esistenziali affrontate con stati d’animo, atteggiamenti mentali e comportamentali per le stesse non adeguate.
Insomma, di ciò che “Sentiamo” (o potremmo sentire) – “Pensiamo” (o potremmo pensare) – “Agiamo” (o potremmo agire) non riusciamo a farne qualcosa di adeguato, funzionalmente, alle circostanze che stiamo vivendo.
Le “pratiche di counseling” su cui ci eserciteremo in questo seminario sono le “leve” che noi counselor utilizziamo per far fluire le nostre relazioni di counseling, aiutando i nostri clienti a mettere ordine tra i loro sentimenti, pensieri ed azioni e ad armonizzarli.
Tale fluire accompagna i processi di consapevolezza, che porteranno i nostri clienti a scoprire e a realizzare quei cambiamenti di stato d’animo, di pensieri e di comportamenti di cui necessitano per approdare ad una positiva gestione dei problemi che stanno vivendo.
L’uso creativo di queste “leve” è quello che proponiamo di chiamare “Yogging”, lo “Yoga S.P.A.”, lo “Yoga del Sentire, del Pensare, dell’Agire”!
Lo yogging è l’anima del nostro fare counseling.
È quel nostro saper stare con, e animare, ciò che sentiamo, pensiamo e facciamo, per renderlo sempre più chiaro alla nostra coscienza; una coscienza che saprà così:
1. indirizzarci verso i cambiamenti necessari del nostro pensare ed agire,
2. portarci ad una più sana ed efficace gestione di ciò che ci sta mettendo in difficoltà,
3. accompagnarci con un “Sentire” che da più accettabile diventerà sempre più gradevole.
Insomma, in questo seminario sperimenteremo, in vario modo, il particolare modo di stare in, e gestire, quella relazione interpersonale d’aiuto, che chiamiamo counseling.
Un modo basato su un insieme di pratiche specifiche; un modo che qui proponiamo di chiamare “Yogging”, lo “Yoga S.P.A.”, “Yoga del Sentire, del Pensare, dell’Agire”.
Per ciascuna di tali pratiche (ACCOGLIENZA, ASCOLTO, OSSERVAZIONE NON GIUDICANTE, PRESENZA, SPOLA, FEEDBACK) proporremo esercitazioni ad hoc, nel corso dell’intero seminario.

FORMATORE: Domenico Nigro, direttore Scuola IN Counseling Lo Specchio Magico Torino, formatore AICo, redattore, sul blog pragmacounseling.it, del “Manuale per la Formazione IN Counseling” (clicca qui: https://www.pragmacounseling.it/il-manuale-per-la-formazione-in-counseling/ )

SEDE DELL’ATTIVITÀ: Rifugio La Capanna – Strada Comunale Valle Gimont, 17, Claviere, TO.
Il Rifugio dista 300 metri dal centro abitato di Claviere; si trova a soli 2 Km dal Monginevro e a 13 dalla elegante cittadina francese di Briançon.
Dal Rifugio si dipartono i sentieri verso le montagne, per una ricca scelta di escursioni alpine.
Sempre a pochi passi si trova il ponte tibetano più lungo del mondo, delle Gorge di San Gervasio.
Cosa portare:
• Necessario per l’igiene personale (detergenti e asciugamani)
• Lenzuola, federa per cuscino o sacco a pelo o sacco lenzuolo (non sono necessarie le coperte, ce ne sono almeno 2 per letto)
• Un tovagliolo personale in stoffa per i pasti (per motivi ecologici!)
• Abbigliamento comodo, ricordando che ci troveremo a circa 1800 mt di altitudine e quindi può essere utile un maglione e/o una giacca; scarpe da ginnastica o da trekking per le esercitazioni all’esterno

DATE E ORARI: da venerdì 25 giugno, ore 15.00, a domenica 27 giugno 2021, ore 16.00

COSTI: 70 € per pensione completa (dalla cena del 25 al pranzo del 27); 130 € per iscrizione al seminario

Per info ed iscrizioni: scrivete a domeniconigro@libero.it; tel. 3476984268
Per i soci AICo si certificheranno 20 ore di formazione permanente.
L’attività formativa proposta è parte del percorso di formazione degli allievi della Scuola IN Counseling Lo Specchio Magico Torino (https://www.scuolacounselingtorino.it/ ) ed è aperta sia a counselor diplomati, sia ad allievi counselor.